School Experience conquista studenti, docenti e dirigenti: “Un’avventura da brividi”

“Emozionante”, “entusiasmante”, “da brividi”. I dirigenti scolastici non hanno dubbi: School Experience è un’esperienza da ripetere.

E, a partire da ottobre, si ripeterà. Nella Sala Blu Grimaldi Lines, spazio alla presentazione del nuovo progetto, ideato e organizzato dal team di Giffoni Experience, del festival itinerante che coinvolge ben quattro regioni d’Italia. A partire da ottobre, il programma che ha l’obiettivo di educare i ragazzi all’esperienza cinematografica farà tappa a San Donà di Piave, Cittanova, Nuoro e Palermo.

Un mescolarsi di emozioni, nella Sala Blu, man mano che lo showreel mostra le immagini dei cortometraggi realizzati da studenti di diverse città d’Italia. È la referente del progetto, Antonia Grimaldi, a dirigere i lavori per “mostrare cosa abbiamo realizzato e cosa vogliamo fare”. Ma, soprattutto, a tirar fuori da dirigenti e studenti il ricordo delle sensazioni vissute. Da Tropea a San Donà di Piave, passando per Giffoni Valle Piana, il coro è unanime: “È un’esperienza da ripetere”. Tanto più che, in Veneto, ha saputo favorire la collaborazione tra più scuole. “L’esperienza è nata nella collaborazione tra tutti gli istituti superiori sandonatesi. Una partnership tra scuole che – spiega il dirigente scolastico Vincenzo Sabellico - è una cosa straordinaria, mai accaduta prima, e che ha dato il via a successivi progetti”.

Soddisfatto il direttore del Giffoni Experience, Claudio Gubitosi: “Quante cose belle fa la scuola – esclama - Piccoli organizzatori crescono. Attraverso questo progetto sono venute fuori altre piccole storie italiane”. E il lavoro non si ferma: “Faremo ancora un bel percorso – aggiunge - Questo è il primo anno, il progetto con Miur e Mibac continua”.

L’iniziativa, finanziata nell’ambito del Piano nazionale cinema per la Scuola promosso dal Ministero per i Beni e le Attività culturali e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, prevede quattro diversi appuntamenti su tutto il territorio nazionale. “Territori non scelti a caso – spiega Antonia Grimaldi – Si tratta spesso di territori di frontiera”. Realtà di fragilità sociale, economica, ambientale, di difficile accessibilità a servizi e infrastrutture, o ancora dove sono riscontrabili fenomeni di degrado fisico, di marginalità, di disagio sociale, di insicurezza e di povertà. Il fine del progetto è anche quello di conoscere il ruolo delle periferie, rivelandone la specifica identità e le potenzialità. Un festival unico soprattutto per le sue giurie: i protagonisti sono bambini e ragazzi di tutte le età. Il concept fondamentale di School Experience Festival è che il programma è diviso in due rami: non solo proiezioni e concorsi, ma anche laboratori, workshop e realizzazione di quattro cortometraggi.

Si parte, dal 22 al 25 ottobre, a San Donà di Piave, poi a Nuoro dal 5 all’8 novembre e a Cittanova dal 19 al 22 novembre. Ultima data a Palermo, per una grande festa dal 10 al 13 dicembre. Ogni tappa sarà dedicata a una fascia scolastica: primaria, secondaria di primo grado e secondaria di secondo grado. Per ogni step il programma prevede sei giorni di attività con un concorso internazionale di cortometraggi (Short Experience - 30 in concorso) e lungometraggi (Feature Experience - 15 in concorso) e un concorso dedicato alle opere prodotte dalle scuole, Your Experience, che avrà come temi "I sogni dei ragazzi", "Bullismo" e "Immigrazione, integrazione". Per ogni tappa ci saranno numerosi ospiti nazionali e internazionali. Accanto ai concorsi cinematografici si svilupperanno parallelamente tre laboratori: due per gli studenti e uno per i docenti.